Cari Colleghi,

Il XXI Convegno Nazionale AIIC si terrà a Milano dall’11 al 13 novembre 2021 e sarà intitolato Regolamento europeo: nuove sfide per la governance dei Dispositivi Medici. L’evento si terrà presso gli East End Studios ed offrirà un focus autorevole sulla gestione dei Dispositivi Medici e sul ruolo imprescindibile che ricopre al suo interno l’ingegnere clinico, che sarà in primo piano proprio nei passaggi complessi previsti dalla normativa europea.

La programmazione del nostro evento annuale tiene conto di varie situazioni: da un lato l’alto livello di precauzione-sicurezza che ci ha convinti a spostare ancora (come nel 2020) il Convegno dalla primavera (che era il nostro periodo abituale) al periodo autunnale; dall’altro la necessità di “rimanere sul pezzo” e quindi di entrare con precisione e puntualità sul Regolamento 2017/745.

Desidero sottolineare che abbiamo ritenuto non opportuno confermare il tradizionale mese di maggio per il nostro evento annuale sia perchè non abbiamo alcuna certezza di quale possa essere il livello di preoccupazione e di lockdown per un evento che raccoglie ormai circa 2000 professionisti, sia perché la maggior parte degli ingegneri clinici continua ad essere coinvolta in prima linea nella gestione delle problematiche tecnologiche connesse all’emergenza. Lo spostamento a novembre permetterà ad AIIC di fare una disamina dei primi sei mesi di attuazione del Regolamento, mettendo “sotto la lente” le criticità connesse ai tanti temi introdotti dal testo europeo, in primis quello degli Organismi notificati.

Inoltre – e questa è una sottolineatura importante – in questa occasione il Convegno ritorna a Milano, dopo i recenti appuntamenti di Bari, Roma, Genova e Catanzaro, confermando la sua vocazione di copertura continua del territorio nazionale. La scelta della metropoli lombarda, proprio in occasione della riflessione sul Nuovo Regolamento Europeo, vuole essere simbolica: una delle città più segnate dalla pandemia è anche il luogo della ripartenza del Paese e della sanità. La nostra professione si conferma così in prima linea in questa necessità di rilancio competenze, consapevole e tempestiva.

E quindi: arrivederci a Milano!

UMBERTO NOCCO
PRESIDENTE AIIC